Seguiteci: Facebook Twitter Google Plus
 

Le personalità vincenti con le donne

Le donne sono più sensibili ad alcuni aspetti della personalità maschile, che le rendono folli. Abbiamo tentato di spiegare i più importanti mediante 10 personalità tipiche, ognuna illustrando un aspetto individuale o un insieme di questi.

Questo scritto è inspirato ad alcune idee di David DeAngelo che abbiamo acquisito e assimilato a modo nostro. La somiglianza finisce lì.

Se ci mettiamo a studiare quel che alle donne piace degli uomini, potremmo concludere alla fine che gli uomini di successo hanno tutti una o diverse caratteristiche in comune. In realtà queste caratteristiche sono innumerevoli e il nostro scopo non è quello di enumerarle tutte. L'importante è comprendere l'idea generale di quel che piace alle donne e assimilarlo al nostro modo di essere. Le combinazioni sono infinite.

Per illustrare meglio questo concetto, raggrupperemo queste caratteristiche di successo un una serie di stereotipi generali. Abbiamo scelto una serie di personalità modello perché è più intuitivo esporre queste caratteristiche personalizzate in un individuo piuttosto che definirle individualmente. Ogni personalità dunque raggruppa aspetti compatibili tra di loro in modo da renderla "tipica". Ovviamente si tratta di personalità astratte il cui scopo non è quello di schematizzare un individuo in un modello di comportamento, ma soltanto illustrare le caratteristiche efficaci mediante esempi concreti.

Ci sono voluti anni di studi in psicologia per arrivare a concludere che le donne, benché tutte diverse individualmente, rispondano a "tendenze", a modi automatici di reagire, per dirla alla DeAngelo. Questo significa che hanno una reazione positiva "automatica" a certi tipi d'uomo. In altri termini, ogni donna "sa" quali sono le caratteristiche che l'attirano di più in un individuo di sesso maschile. Uno dei mezzi a disposizione del seduttore consiste appunto nell'avere conoscenza dei punti tipici più attraenti che si possono avere. L'idea non è quella di imitare una personalità che non è la nostra, ma piuttosto cercare di adattarci alle caratteristiche vincenti che sono maggiormente compatibili.

In base alle osservazioni fatte nella vita reale, nei film, nella letteratura, nei testi di psicologia e in altre fonti, l'interesse di quasi tutte le donne cade sempre su alcuni degli aspetti che illustreremo. La differenza sta nel fatto che una donna può essere più sensibile a certi aspetti rispetto a un'altra. La lista che segue, come forse avete capito, deve essere considerata come una lista di quello che in inglese si chiama "pattern", cioè un procedimento generale che non descrive una soluzione nei dettagli, ma indica a grandi linee, senza dare una soluzione precisa, come procedere per ottenerla con i propri sforzi e i propri mezzi.

Le personalità vincenti con le donne

L'ordine di enumerazione non risponde a un criterio di importanza dato. Va detto anche che i concetti e i tratti della personalità contenuti in ognuno dei seguenti personaggi non sono mutualmente esclusivi, cioè un uomo può avere un miscuglio di concetti provenienti da varie personalità, oppure un misto di caratteristiche positive e negative (troverete la lista delle caratteristiche negative nella nostra pagina sulle personalità sfigate).

Inoltre bisogna ricordare che ogni personaggio descritto in questa pagina ha la sua cerchia di sostenitrici, mentre lascia altre totalmente indifferenti, per questo troverete tipi di personalità a volte opposti tra di loro, in quanto non tutte le donne rispondono allo stesso tipo di uomo. Ma è ora di passare alla lista.

1. Il Seduttore

Per ragioni logiche, il Seduttore riesece in molte occasioni ad apparire interessante, proprio a causa delle conoscenze stesse che ha dovuto sviluppare. Conosce la psicologia femminile, sa come comportarsi e come trattare le donne, è perfettamente cosciente della natura femminile e sa sempre cosa fare. Questo lo rende automaticamente più sicuro di sè e anche più interessante. Conosce i tasti da premiere per interessare le donne.

Qui per seduttore non intendiamo solo il fatto di qualcuno che sa come sedurre le donne. Esiste una personalità di seduttore, una maniera d'essere del seduttore che classifica questo personaggio in una categoria che gli è totalmente propria.

I seduttori sanno tutto sulle donne, passano la vita a studiarle. Sono specialisti del sesso femminile. Il Seduttore conosce il linguaggio del corpo anche meglio di quello verbale e tutte le donne si sentono a loro agio con lui. Nel cinema e nella letteratura, gli esempi più importanti sono evidentemente Casanova e Don Giovanni. I due sono degne incarnazioni del Seduttore e, chiaramente, si spartiscono il ruolo in due categorie: il Seduttore Don Giovanni non concepisce l'amore che attraverso il sesso. "Amarne una" dice "è far torto alle altre", così non ne ama nessuna e fa sesso con tutte. Mentre il Seduttore Casanova, invece di far sesso con tutte senza amarne nessuna, risolve il problema innamorandosi di tutte. Casanova passa la vita tra una donna e l'altra correndo dietro al sogno impossibile di avere un harem di innamorate. Chiamarente abbiamo elencato le differenze individuali tra Don Giovanni e Casanova. Queste differenze non fanno parte del personaggio generale del seduttore. Un seduttore può perfettamente innamorarsi di una sola donna e avere una relazione a lungo termine.

Il Seduttore si sente con le donne nel suo habitat naturale, fino al punto di sembrare strano. Ma non commettete l'errore di pensar male di lui, in quanto questi segue il cammino delle donne soltanto per comprendrele meglio, vede il mondo solo in termini di interazioni romantiche, il che gli conferisce un certo fascino. I seduttori sono anche i migliori cavalieri che si possano immaginare.

Riassumendo, ecco i punti forti della personalità del Seduttore:

  • È sicuro di sè.
  • Consce bene le donne. Questo lo rende più interessante e capace di far sentire le donne a loro agio.
  • Sa perfettamente come abbordare una donna precisamente a causa dei punti sopra enumerati e conosce i metodi migliori per sedurle.

2. Il Macho

"Macho" non significa necessariamente maschilista o machista. Stiamo parlando della personalità del macho, non dei pregiudizi associati. Una volta fatta astrazione di questi ultimi, cosa resta del Macho? Abbastanza.

Il Macho rappresenta il tipo duro, il cattivo ragazzo. Trasmette un fascino intenso e immediato, è rude e tenebroso, all'apparenza incapace di avere una debolezza, il che rende le sue tenerezze più penetranti, in quanto dà l'idea di essere too much con tutti e di avere "debolezze" soltanto per lei. È inflessibile e dà spesso l'impressione di non aver mai versato una lacrima in vita sua. Sembra per definizione impossibile che possa farlo. "Gli uomini non piangono" assicura. È molto dominante e molto sicuro di sè, sa sempre quello che vuole e quello che deve fare fino al punto di dare l'impressione che possa fare virtualmente qualsiasi cosa. Il Macho è principalmente il tipo di uomo che non deve chiedere... mai!

Le donne che reagiscono al Macho si sentono soggiogate e dominate e vorrebbero essere "maltrattate" da questi uomini. Il macho parla poco, ride poco e seduce soprattutto a causa della sua masculinità.

Quindi i punti forti del Macho sono:

  • È sicuro di sè.
  • È un duro, è un vero uomo, un rude, ha l'aria "cattiva".
  • È molto maschile e dominante.
  • Seduce precisamente per essere l'esatto opposto della femminilità.

3. Il Cavaliere

Il Cavaliere non è altro che il Principe Azzurro, l'eroe, il prode, il protettore, il salvatore. Possiamo trovare esempi di questa personalità ovunque nella letteratura, Robin Hood, D'Artagnan, Lancelot, il Conte di Monte-Cristo, Zorro, Bruce Lee, ecc. Anche i videogiochi, e soprattutto quelli, abbondano di eroi coraggiosi e ragazze da salvare. Certo, alcuni dei personaggi citati, ad esempio il Conte di Monte-Cristo, non è che siano concretamente dei cavalieri, ma la loro personalità corrisponde comunque a questo tipo di "eroe totale" che è tipico di questo stereotipo.

Se le donne amano essere sedotte dal Seduttore o maltrattate dal Macho, dal Cavaliere invece vorrebbero essere "salvate". Il prode cavaliere è sicuro di sè come può esserlo il Macho, estremamente bravo e capace di qualsiasi impresa. Va, come un mulo al combattimento e non retrocede davanti a nulla. In altri termini è un eroe, ma un eroe dal punto di vista romantico del termine. Nel registro moderno, il cavaliere ha una grande sicurezza, non si scoraggia mai e non si arrende davanti a nessuna difficoltà. È di quelli che non mollano, che hanno a volte idee e manie di grandezza che lo fanno apparire come se stesse dicendo: "se qualcuno l'ha fatto, non c'è ragione che non possa farlo anch'io". Contrariamente al Macho, il Cavaliere è duro in battaglia ma fragile, romantico e spesso riservato con le donne. D'altra parte, abituato ai "ferri della lotta" non ha molta dimestichezza sul piano romantico ed è proprio questo contrasto "coraggioso in battaglia - timido con le ragazze" che colpisce di più.

Il Cavaliere non conosce le lacrime più di quanto non le consca il Macho, salvo quando sono d'amore. Se il Macho non piange mai, al Cavaliere è lecito piangere soltanto per una donna. Quante volte vediamo in letteratura, specie nei romanzi di Dumas o Zévaco, l'intrepido Cavaliere che, in pena d'amore per la lancella rapita, piange scuotendo anche il lettore?

Le donne attratte da questo stereotipo portano in loro questo mito fin da fanciulle, quando sognavano con tutti i racconti del "Principe Azzurro", del "Moschettiere intrepido", del "Salvatore". Infatti, queste vorrebbero sempre "essere salvate", sognano di avere un eroe personale sul quale avere una fiducia totale. Al rapimento non temono il pericolo e dicono al cattivo della favola Verrà lui a salvarmi. Il Cavaliere è quindi e soprattutto un Protettore, non dimentichiamolo, nel registro della vita moderna. Tutte le donne che cercano protezione in un uomo hanno il "complesso del Cavaliere" e in questa categoria entrano tutte quelle che sono ossessionate dal "Principe Azzurro", di queste che spesso - per il fatto di non aver trovato il tipo corrispondente - non arrivano a tenere mai relazioni stabili.

Riassumendo, i punti forti del Cavaliere sono:

  • Il coraggio, la forza, il senso di protezione.
  • Intrepido, capace di qualunque impresa, duro in battaglia, tenero con le donne.
  • Sicuro di sè, ha una personalità eroica che incute rispetto, uno spirito di lotta e un'energia inesauribili.

4. Il Galantuomo, il Signore

È tutto un cavaliere (non nel senso del personaggio precedente, ma nel senso che è molto cavalleresco), è un uomo galante, un uomo classico, di vecchio stampo, elegante, "di quelli che non se ne vedono più". Ha gusto nel vestirsi e nel comportarsi, conosce tutte le regole dell'educazione e dell'etichetta dell'ultimo grido, sa sempre comportarsi al meglio a seconda delle circostanze, non solo con le donne, ma anche con amici, colleghi o comunque ospiti.

Non tutte le donne vanno matte per questo tipo di personaggio, ma quelle che sono attratte da questa personalità lo sono perché il Ganantuomo, con il suo stile di uomo classico, spesso maturo, riesce a trasmettere un grande fascino e una grande influenza. Di solito questa personalità calza a un uomo ricco o benestante, anche se il fatto di essere un signore non dipende necessariamente dal conto in banca.

Il cinema, lo spettacolo e la letteratura offrono svariati esempi di questo tipo d'uomo: Marcello Mastroianni, Humpry Bogart, Frank Sinatra, Arsenio Lupin, James Bound, e via dicendo. Tutti questi tipi di uomini hanno una sola cosa in comune: la classe, l'eleganza, il garbo, un certo carisma che ha il fascino dell'obsolescenza.

Se vogliamo anche qui riassumere i punti forti del galantuomo sono:

  • L'esser cavaliere (nel senso galante).
  • Distinzione.
  • Un certo cinismo.
  • Galanteria.
  • Prudenza.
  • Sicurezza.
  • Eleganza e classicismo.
  • Tatto.
  • Garbo.

Tutto questo spesso accompagnato da una grande cultura e intelligenza. Evidentemente non tutti gli uomini possono essere Galantuomini né devono esserlo, ma vi abbiamo appena descritto il personaggio, il resto delle conclusioni le dovete trovare da voi.

5. L'Avventuriero

L'uomo avventuroso non teme le novità e le situazioni imprevedibili, ama la vita e le esperienze forti, gli sport pericolosi e correre in macchina. A volte è qualcuno che viaggia molto, che non ha una meta fissa, la sua vita non ha nessuna stabilità, è basata sull'improvvisazione e sulla fantasia e la sua qualità più spiccante è precisamente il senso dell'avventura. Un senso che viene espresso in tutto quel che fa e non è limitato a un contesto specifico.

In altri termini, l'uomo d'avventura non ha limiti. Ama lottare, ma contrariamente al Cavaliere, non lotta contro il "nemico", ma contro gli elementi e le circostanze. Come il Macho, gli piace lasciare le donne con il fiato sospeso e con il cuore in gola, ma invece di farlo facendo il duro, l'ottiene facendo cose pazze.

La sua personalità è imprevedibile, è un pazzo nel senso interessante del termine. L'uomo d'avventura non inveccha mai e conduce una vita instabile, ma vincente. Non è il tipo d'uomo che piace per la sua stabilità e per avere la testa sulle spalle. Quest'uomo è anche dotato di un ottimo senso dell'umore e lo coltiva molto. Per lui non ci sono dubbi: far ridere una ragazza significa avere tutto da lei.

Indiana Jones, Tarzan, Terence Hill, Tom Selleck, John Wayne sono tutti eloquenti esempi. Questa personalità non annoia mai perché nulla è programmato nella sua vita. I suoi punti più forti sono:

  • Spirito di avventura.
  • Sicurezza in sè.
  • Imprevedibilità.
  • Spontaneità.
  • Non teme lo sconosciuto.
  • Non è noioso, è pieno di risorse.
  • Tutto quel che fa è estremamente interessante.
  • Senso dell'umore.

6. Lo Stabile

È l'esatto opposto dell'uomo d'avventura. Non è solo un uomo stabile, è anche qualcuno che promette e garantisce stabilità, quindi sicurezza e protezione, una delle cose più amate dalle donne, come abbiamo visto nella pagina delle basi sulla seduzione.

In questa categoria possiamo mettere tutti gli uomini dalla carriera sicura e dal salario generoso, per esempio un medico o un avvocato di successo. Quasi sempre sono professionisti, eminenze della loro specialità e già quest'aurea di sapienza esclusiva e di prestigio garantisce loro un certo fascino, anche se non è questo il loro punto maggiore.

Lo Stabile è spesso un capo al lavoro, quindi è dominante e simbolizza la figura classica del capo famiglia. Questa personalità sa che chi sa condurre una barca, sa condurre una donna, per lui non ci piove. Per costui quel che conta nella vita è avere un titolo universitario, successo nel lavoro e saper condurre una famiglia nel senso classico del termine.

Spesso non ha neppure un briciolo di fantasia, ma in compenso con lui non avrete mai preoccupazioni per l'avvenire, è un uomo con la testa apposto e ben appoggiata sulle spalle, non ha mai i piedi sulle nuvole e i suoi punti forti in generale sono:

  • Garantire alle donne un gran senso della sicurezza e di stabilità.
  • È sempre un ottimo partito per il matrimonio.
  • Capace di fornire garanzie di comodità e prosperità.
  • Molto responsabile sia nella vita che nella sua relazione.
  • Non ha grilli per la testa, con lui una donna dormirà sempre tranquilla.
  • Protettore.
  • Eminente e colto.

7. L'Artista

Quando parliamo di artista ci riferiamo al suo significato più amplio. Un Artista, a parte di essere un artista, può anche essere un divo. Oppure non essere un artista pur avendo una personalità da artista. In altre parole esiste una "personalità artistica" al di fuori del fatto di essere artista o no.

Oltre a essere artisti nella personalità senza esserlo nella realtà, possiamo altresì essere artisti senza averne la personalità. Quel che ci interessa qui è ovviamente la personalità. Ci sono persone che considerano la loro vita come un'opera d'arte, esiste una poesia nel modo di vivere che non ha nulla a che fare con i versi e, per dirla come Oscar Wilde, l'Artista vive spesso la poesia che non riesce a scrivere, mentre il poeta può esprimere in poesia la vita che non riesce a vivere.

L'artista è un uomo di grande inventiva e di grande immaginazione creativa. È il migliore per scrivere versi, canzoni, frasi romantiche o semplicemente nel fare complimenti. È un autentico poeta, inoltre la sua indole di artista lo rende anche molto romantico.

La personalità artistica è al tempo stesso complessa e ingenua. L'aspetto più caratteristico è la sua capacità di combinare percezioni e sensazioni in modo inusuale, risvegliando l'immaginario femminile. L'Artista vive con gusto e armonia, ama fare le cose ben fatte e sempre teme di fare qualcosa che non risulti bello. Questo "modo artistico di vivere" è spesso meglio compreso dalle donne che dagli stessi artisti. Le donne attratte dagli artisti sono sempre alla ricerca di qualcuno che ha bisogno di qualcun'altro per essere compreso e per comprendere sè stesso. L'artista sembra non essere mai cosciente del suo fascino e quando seduce lo fa sempre "involontariamente".

Esempi di "artisti" celebri sono Nicolò Paganini, Victor Hugo, Gabriele D'Annunzio, Andrea Sperelli (uno dei personaggi di D'Annunzio che aveva la personalità di artista), Sir Henry Wotton (dal Ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde), lo stesso Oscar Wilde e via dicendo. Casualmente la maggior parte di questi personaggi, tranne quelli fittizi ovviamente, erano artisti nella vita, ma probabilmente avrebbero avuto comunque questa personalità.

I punti forti dell'Artista sono:

  • Dotato di un'intelligenza molto brillante e usata in modo interessante.
  • Ha un modo diverso di vedere le cose.
  • Vive in modo creativo e fa della sua vita un'opera d'arte.
  • È molto poetico, romantico e immaginativo.
  • Il suo fascino è molto naturale e spontaneo.

8. Il Capo, la guida

Il senso della leadership esprime fascino in modo automatico. Gli uomini che conducono gli uomini fanno colpo sulle donne perché sono dei perfetti protettori, a parte il fascino del comando. Essere la donna di un capo non è un'aspirazione nuova ed esistono un gran numero di donne che non sognano altro.

Ma, ancora una volta, stiamo parlando di una personalità. Non avete bisogno di essere un presidente o un caudillo per esere un capo. Il fatto che spesso il ruolo sia conseguenza della personalità, può succedere, ma non è quel che ci interessa di più.

Il Capo è il tipico uomo che ama comandare ed esercitare il potere. Non sopporta ubbidire e impone agli altri la propria ubbidienza, perché sa più degli altri, sa come condurre, è molto sicuro di sè e trasmette questa sicurezza all'esterno. IL che fa colpo sulle donne.

Queste qualità non si sviluppano da un giorno all'altro. Si tratta di un modo di essere innato, oppure acquisito a causa delle circostanze della vita. Esistono svariati esempi di capi celebri e influenti, ma qui ci riserviamo il diritto di non citarli, in quanto in politica il carisma è spasso confuso con le tendenze politiche e noi siamo apolitici. Mentre il cinema e la letteratura non offre esempi immediatamente eloquenti. Lasciamo dunque all'immaginazione del lettore di trovare o immaginare esempi opportuni. I punti forti di un capo sono:

  • Gran sicurezza in sè stesso.
  • Il fascino della leadership.
  • Ispira il mito di essere la donna di un capo.
  • L'autorità e il rispetto che questa personalità emana.
  • L'indominabilità.

9. Il Padre, la figura paterna

Il fatto di essere un uomo maturo nei confronti di una giovane non è automaticamente un sinonimo di fascino, ma il fascino dell'uomo maturo esiste, in quanto tutte le donne nella vita sentono il bisogno almeno una volta di avere un uomo che rappresenti in qualche modo una figura paterna. Coppie dove la donna è molto più giovane dell'uomo se ne vedono in abbondanza al punto di non meravigliare nessuno; si vedono anche uomini giovani con donne più mature, anche se in misura minore, quindi non stiamo parlando soltanto di un fenomeno o di una differenza di età, ma soprattutto, manco a farlo apposta, di una personalità. La figura del Padre calza bene a un uomo maturo, ma non è necessariamente determinata dal fattore età. Anche un giovane può rivestirla.

Esiste una categoria di donne che amano essere condotte, controllate e trattate come bambine, non sappiamo dire se questo è dovuto a causa dell'assenza o dell'insufficienza di una figura paterna nella loro vita, oppure se si tratta semplicemente di una tendenza naturale della donna, la quale matura molto prima di un uomo e molto di più a parità di età. Il fatto che molte donne non siano attratte dai loro coetanei perché considerati immaturi e mocciosi non è soltanto un fenomeno abbastanza comune, è qualcosa che va spesso al di là del puro senso della maturità.

Quindi un uomo che riveste questa figura paterna in una relazione possiede anche una serie di caratteristiche che assicurano il suo successo. È molto protettore e la sua stessa natura gli consente di trattare una di queste donne che abbiamo citato precisamente nel modo in cui vorrebbero essere trattate. Paradossalmente non è sempre necessario che l'uomo che riveste questo ruolo abbia una maturità superiore. Un uomo di una certa età è comunque e sempre più maturo di una ragazza ventenne, lo è più per una questione di figura che per maturità reale. Non confondere la maturità con l'esperienza o con la cultura. Un uomo può essere coltissimo o aver accumulato molta esperienza senza per questo essere maturo o dimostrare maturità.

Anche in questo caso possiamo trovare esempi celebri: citeremo il più clamoroso, il film Pretty Woman dove Richard Gere seduce una escort facendole cambiar vita è un esempio classico della figura paterna di questo personaggio, al punto che ogni volta che questa situazione si riproduce nella vita si tende a parlare del mito di Pretty Woman. E non c'è bisogno di citare altri esempi, dal momento che il personaggio è abbastanza conosciuto e gli esempi abbondano sia nella letteratura che nel cinema.

I punti forti della figura paterna sono:

  • Gran senso della protezione, tendenza a viziare la propria partner e trattarla come una bambina.
  • È premuroso e si occupa della sua compagna molto di più e molto meglio di quanto lo farebbe un uomo «giovane».
  • È anche una garanzia di stabilità, di maturità e di fedeltà.
  • È in grado di comprendere una donna giovane molto meglio di quanto lo farebbe chiunque altro.
  • È più responsabile nella vita e maggiormente adatto a metter su famiglia.

10. L'Assecondante

È un uomo molto compiacente, soprattutto sessualmente e dà molto ascolto alle donne e ai loro pareri. Attenzione, non bisogna confondere questo personaggio con il tipo d'uomo super accomodante che abbiamo criticato nella pagina sull'attrazione. Stiamo parlando di un uomo aperto di spirito che tende a essere docile con le donne restando al tempo stesso una persona regolare, addirittura dominante nel mondo esterno. Si tratta di un uomo che partecipa attivamente a comprendere le donne e ne rivendica i diritti.

Si potrebbe forse dire che l'Assecondante sia l'esatto opposto del Macho. Difatti è il tipo ideale per le donne femministe, emancipate, di quelle che difendono a oltranza l'uguaglianza dei sessi.

Pur mantenendo una personalità forte e pur avendo un ruolo di guida che è stato tacitamente accettato, l'Assecondante rispetta moltissimo i punti di vista femminili e riesce a condurre il rapporto in una posizione di uguaglianza accettata. Non abbiamo trovato esempi eloquenti di questo carattere perché di solito questa personalità è sempre abbinata ad altre di successo senza tuttavia corrispondere a nessun personaggio di moda o di spicco. John Lennon era probabilmente un Assecondante. È una personalità trasparente che si spiega da sè.

I punti forti dell'Assecondante sono:

  • È molto aperto di mente, molto liberale.
  • È capace di accontentare meglio di qualunque altro nel contesto sessuale.
  • È molto compatibile con le donne indipendenti ed emancipate e fa molto colpo su queste.
  • Ascolta molto le donne, valorizza le loro posizioni e crede nell'uguaglianza dei sessi (almeno nei diritti, cioè non è così ingenuo da non distinguere o riconoscere le differenze proprie di ogni genere sessuale).

Tirando le somme

Se osserviamo bene questi esempi di personaggi notiamo che tutti hanno in comune caratteristiche tipicamente maschili che si ripetono: dominanza, sicurezza in sè stessi, forza, coraggio, passione, avventura, senso dell'umore, mascolinità, imprevedibilità, leadership, protezione e via dicendo. Abbiamo visto come alcune caratteristiche proprie di una personalità siano opposte a quelle di un'altra (per esempio avventura e stabilità), ma in generale molti aspetti sono ricorrenti. E sono queste caratteristiche maschili, specialmente quelle che si ripetono ciò che conta realmente.

Abbiamo visto che ci sono parecchi modi di esprimere la sicurezza in sè stessi, il senso di guida o di dominazione, persino il senso dell'umore e del romanticismo. Lì sta la chiave nel fatto di avere una personalità di successo con le donne. Non importa il modo in cui ci sentiamo sicuri, per esempio, non importa se notiamo che la nostra personalità non corrisponde o non combacia con nessuna di quelle enumerate, oppure se scopriamo di avere punti in comune con varie di queste. L'importante è trovare il nostro proprio stile, la nostra propria via per trasmettere ed esprimere i tratti della nostra personalità che ci favoriscono nei confronti delle donne, questa è forse la lezione più importante da apprendere.

È interessante leggere e rileggere questa pagina concentrando la propria attenzione su queste caratteristiche di successo ricorrenti e sul tipo di emozioni che queste possono trasmettere alle donne. Basterà trovare una sola via, la più facile e la più compatibile alla vostra personalità, che senza dubbio possiede caratteristiche e tendenze specifiche. Sarà sufficiente adattare la vostra natura alle qualità che potrete maggiormente assimilare e lavorare in modo da sviluppare al massimo queste qualità.

Le personalità perdenti.
grande-pene.com

soloperlei.com