Seguiteci:
Quante ragazze che credevate di aver rimorchiato vi hanno detto alla fine che volevano soltanto che foste buoni amici? Qui studieremo le ragioni principali per le quali finiamo con l'essere sfigati con donne che avremmo potuto conquistare.

8 tappe critiche che bisogna superare per andare al letto con una donna

Quando stiamo seducendo e cercando di conquistare una donna, dobbiamo passare attraverso varie tappe chiave prima di raggiungere il nostro scopo, cioè che questa ragazza si metta in coppia con noi ("mettere in coppia" è un termine volutamente generico). Difatti non importa se questo risultato consiste a far sesso, ad avere avventure o relazioni a corto o a lungo termine. Tra il momento in cui conosciamo una ragazza e quello in cui possiamo dire di averla conquistata, esiste sempre un certo numero di tappe da superare per passare da un livello all'altro, questo numero di tappe è evidentemente variabile a seconda delle circostanze (non tutte le tappe di una conquista si producono sempre, come vedremo).

Bisogna distinguere tra tappa seduttoria e livello di relazione. Un livello non è altro che un tipo di relazione, oppure uno stato di progresso di questa. Se siete soltanto amici, questo è un livello. Se avete baciato una ragazza senza ancora aver avuto una storia con lei, è un altro livello. Se avete appena fatto sesso con lei, è un altro livello ancora. Le tappe e i momenti di transizione della seduzione permettono giustamente di passare da un livello all'altro e si trovano la maggior parte delle volte tra un livello e l'altro.

Per esempio il fatto di dire "ciao" a una ragazza per la prima volta può corrispondere a una tappa da superare per conoscerla e quindi rimorchiarla. Il fatto di fare amicizia con una donna (ottenendo il suo telefono, per esempio), è un'altra tappa, riuscire a uscire insieme è un'altra tappa ancora e via dicendo. Ecco la lista completa di queste tappe:

  1. Stabilire il primo contatto con una ragazza.
  2. Fare amicizia o avere una conversazione sostenuta con lei.
  3. Ottenere i suoi estremi per ottenere un seguito, una continuazione.
  4. Uscire con questa ragazza.
  5. Continuare a uscire con questa ragazza (molte relazioni fanno cilecca al primo incontro).
  6. Il primo contatto fisico (prenderle la mano, baciarla, ecc).
  7. Ottenere l'intimità (che non è necessariamente sesso).
  8. Il sesso. Il momento di avere con lei un rapporto sessuale.

Tutti questi punti che abbiamo enumerato costituiscono ugualmente dei momenti critici: momenti di transizione che bisogna superare, dove tocca spesso all'uomo di far qualcosa per progredire e passare al livello seguente.

Per esempio, se siamo soltanto amici di una donna e vorremmo qualcosa di più, bisogna decidersi a prenderle la mano o baciarla se vogliamo passare dal livello dell'amico a quello di essere il suo ragazzo (o comunque qualcuno che ha un flirt con lei senza ancora aver avuto sesso).

Una di queste situazioni è stata dipinta in modo magistrale dallo scrittore classico francese Stendhal, nel suo romanzo Le rouge et le noir (Il rosso e il nero). Il protegonista, Julien Sorel, era il tutore dei figli di Madame de Rênal, dunque aveva soltanto un rapporto sociale con lei. Ma voleva sedurla e per questa ragione si risolse un giorno a prenderle la mano prima delle dieci di sera, oppure a farsi saltare le cervella. Dopo una tempesta psicologica, prese questa mano che finalmente restò nella sua. Il nostro eroe ha superato un momento critico nella seduzione di questa donna ed è passato a un altro livello (un rapporto più intimo, ma non ancora stabilito o consolidato).

E come abbiamo visto, di queste tappe o momenti critici ce ne sono 8, non soltanto quello di prendere la mano di una donna o darle un bacio. Otto momenti critici, uno altrettanto difficile dell'altro, ma in modo relativo, perché alcuni uomini possono trovere certi punti più facili e trovarne altri ben difficili, anche a seconda delle circostanze (che possono rendere facile o difficile uno stesso punto). Ma ad ogni modo, ognuno di questi momenti critici comporta delle nozioni da sapere e delle tecniche da predominare per poter progredire rapidamente.

Inoltre, bisogna segnalare che questi punti non vengono a volte segnati nello stesso ordine o secondo la stessa seguenza. Per esempio, possiamo a volte passare dalla tappa 1 direttamente alla 4 saltando le altre. Questo succede per esempio quando conosciamo una ragazza in discoteca: in questo contesto non c'è incontro o uscita da ottenere, vi trovate già nell'uscita automaticamente, dunque il punto 4 coincide con il punto 1 e non vi resta da fare che tentare di baciarla, il che corrisponde al punto 6. E se poi ce la portiamo a casa, allora stiamo già alla tappa 8, senza neppure essere passati alla 7, oppure siamo passati attraverso la 7 nel nostro tentativo di volercela portare a casa.

E non è l'unico esempio. A volte non abbiamo bisogno della tappa 1, in quanto vogliamo sedurre una donna che già conosciamo. Altre volte restiamo a un livello dato senza progredire e altre volte ancora passiamo direttamente alla tappa 8, mangiandoci tutte le altre (questo succede con le avventure dove tutto ha luogo nello stesso giorno in cui la conosciamo). Di conseguenza, tutto è relativo. Non in tutti gli approcci passerete necessariamente per le stese tappe e neppure avrete le stesse difficoltà. Quel che è stato facile con una ragazza, può essere difficile con un'altra. Alcune tappe sono inoltre più facili in alcune situazioni e ci sono volte dove siamo talmente fortunati che un livello dato arriva da solo senza che ci sia bisogno di fare nulla da parte nostra!

Il problema è dunque quello di sviluppare delle abilità appropriate per ogni situazione, in modo da riuscire a "creare" voi stessi l'occasione senza contare sulla fortuna. Quel che conta è la capacità che vi permetterà di superare la situazione e non il fatto che la situazione in sè stessa possa essere favorevole o meno.

Il successo con le donne non è sempre una strada conosciuta, è un cammino senza mappe. È per questo che la seduzione è un'arte: bisogna essere creativi per applicare i principi con successo. Inoltre ogni donna pressuppone un cammino diverso, anche la stessa donna può comportare diverse strade a seconda delle circostanze.

Descriveremo dunque nei dettagli ogni tappa, ogni livello, ogni momento critico e per ciascuno di essi indicheremo le tecniche appropriate per assicurarvi il più grande successo possibile e le più alte possibilità di conquista. Alcune soluzioni sono troppo complesse per essere trattate in quest'articolo e in quel caso, rimandiamo al programma.

I momenti critici della seduzione

Ognuna delle seguenti tappe dipende da un evento che state vivendo (una situazione) e una decisione da prendere (che è spesso il frutto dell'iniziativa che incombe all'uomo).

1. Il primo approccio, dirle "ciao"

Questa tappa si presenta in modo opzionale, cioè ci sono situazioni dove corrisponde ad altre tappe, oppure che è già superata fin dal principio, come abbiamo visto più su.

Ad ogni modo, per molti uomini è la tappa più difficile. Anche coloro che non sono normalmente timidi diventano nervosi nel momento di dover abbordare una sconosciuta e la maggior parte delle volte rinunciano a qualsiasi tentativo di seduzione per non saper cosa fare, per non saper cosa dire!

Sia il nostro programma che il nostro articolo sulla seduzione nella strada affrontano questo problema in modo completo. Durante questa tappa, tutto dipende dal modo in cui vi sentite. Evidentemente questo passo critico vi permette di passare dal livello di non conoscere una ragazza a quello di conoscerla. Il fatto di riuscire a rompere il ghiaccio è sicuramente difficile, ma non equivale a sedurre. Parlare con una ragazza e fare la sua conoscenza non significa affatto averla rimorchata! Tra conoscere e rimorchare c'è di mezzo il mare, così come altre tappe da superare.

2. Fare amicizia, avere una conversazione sostenuta

Anche questa tappa è opzionale e si produce a seconda delle circostanze. Può essere necessaria in molte situazioni, ma superflua in altre. Per esempio, se conoscete una ragazza al mare, una lunga conversazione è inevitabile affinché possiate creare un legame. Invece, se conoscete una donna in discoteca, dovrete rimorchiare senza neppure parlare, dunque tutto dipende!

In ogni caso, quando in un approccio determinato vi toccherà superare questa tappa, lo scopo è quello di affermare un'amicizia, creare un legame. Va da sè che, affinché questa conversazione sia sostenuta e interessante, bisogna cominciare di buon piede e con un pretesto forte a sufficienza, dire qualcosa che lascia una conversazione aperta, oppure dirlo in un contesto favorevole. Analizzeremo tutte e tre le possibilità:

Conversare con una ragazza usando un pretesto forte

Non potete evidentemente cominciare una conversazione sostenuta e interessante chiedendo semplicemente che ora è, oppure dove si trova Via della Rocca. Si tratta di pretesti ben deboli e la conversazione muore non appena ottenete l'informazione che avete chiesto (e della quale non avevate bisogno). Difatti, una volta che vi dicono che sono le sedici meno cinque o che Via della Rocca si trova a due incroci a sinistra, siete al punto di partenza, non avete più nulla da dire.

Avere pretesti forti vuol dire dunque trovare delle idee dicendo cose che possono dar luogo a delle conversazioni interessanti. Già il fatto di chiedere un'opinione a una ragazza circa una bevanda che sta consumando è un pretesto più forte, soprattutto se ve ne intendete di bibite. In generale i pretesti forti dipendono molto da quel che state facendo, oppure da quello che il vostro bersaglio sta facendo al momento di abbordarla.

Dire qualcosa che lascia aperta una situazione di conversazione

Per esempio, il fatto di chiedere un favore è qualcosa che lascia aperta una situazione di conversazione. Supponete di essere in piscina e che siete seduti vicino a lei. Le chiedete di dare un'occhiata ai vostri effetti personali mentre andate a fare il bagno. Lei accetta perché in quel momento sta prendendo il sole. Andate dunque a fare il bagno e quando tornate vi sorride e cominciate una conversazione. Si tratta di un esempio tipico di una situazione che lascia aperte svariate possibilità di conversazione. Ben inteso, ne esistono ben altri.

Conversare con una ragazza in un contesto favorevole

Per esempio se cominciate una conversazione in un contesto dove avete interessi in comune avrete allora molte più possibilità che il vostro dialogo sia sostenuto e interessante, in quanto siete appassionati dello stesso soggetto e conversate sullo stesso svago che piace a entrambi. È una delle migliori situazioni per avere una conversazione interessante.

3. Ottenere degli estremi al fine di avere un seguito

Questa tappa è evidentemente altrettanto opzionale della precedente. Non è sempre necessaria o appropriata. A volte uscite direttamente con qualcuno oppure arrivate a un rapporto anche più implicante senza ancora aver avuto il suo telefono! In ogni caso, tutto dipende dal contesto e nell'ambito di un approccio dato vi succederà prima o poi di dover passare per questa tappa.

Ai giorni nostri, grazie all'email e ai telefoni mobili è molto più facile avere il numero telefonico di una donna, visto che può darci il suo cellulare invece del suo telefono di casa. Ma allo stesso tempo vale meno e significa meno. La tecnologia ci aiuta, ma ci castiga al tempo stesso. Da una parte è molto più facile ottenere un estremo di contatto, ma dall'altra è molto meno significativo, in quanto il fatto di ottenere un numero di cellulare non corrisponde necessariamente a una conferma di interesse. I numeri di cellulare si danno molto leggermente, visto che sono molto più anonimi e meno impegnativi di un telefono tradizionale. Per non parlare dell'email. Dunque, avere il suo cellulare non significa quasi nulla. Comunque avete il vantaggio di poterla contattare ed è gia qualcosa.

L'ideale è sempre quello di ottenere subito un appuntamento, ma questo non è sempre possibile, la vita non è così semplice e a volte, bisogna passare necessariamente attraverso tutte le tappe per avere successo alla fine.

Qui, il miglior modo di ottenere un estremo di contatto è chiederlo in modo naturale come se fosse una conseguenza inevitabile della vostra conversazione o, ancor meglio, se conversando avete accordato qualcosa che potreste in seguito fare insieme. Se per esempio avete assicurato di possedere un libro raro a casa vostra che verte sul vostro soggetto di conversazione, in quanto eravate in biblioteca a fare una ricerca quando vi siete conosciuti, è naturale chiederle un contatto per mostrarle questo libro. È solo un esempio banale, in generale fate in modo che la vostra richiesta di avere un seguito risulti più naturale e spensierata possibile.

In linea di massima non commettete l'errore di chiederle un numero telefonico tradizionale troppo velocemente, se non avete ancora troppa confidenza, chiedete dapprima qualcosa di meno impegnativo, come un cellulare o un email e solo dopo chiedetele il telefono fisso. Avete la tecnologia al vostro servizio, servitevene!

4. Ottenere un appuntamento

È in realtà un passo alternativo a quello di ottenere un seguito mediante estremi di contatto. Abbiamo già detto che è preferibile avere un appuntamento fin da subito invece di un numero telefonico, ma anche che non sempre questo è possibile. Ebbene, quando non è possibile uscire con qualcuno subito, lo scenario tipico è quello di ottenere un estremo di contatto e successivamente un appuntamento. Supponiamo qui che avete ottenuto quest'estremo.

Una volta che sarete in misura di comunicare l'ideale è ottenere un appuntamento al più presto, ma allo stesso tempo, senza mostrare una fretta e un'ansia eccessive. Evitate dettagli inutili. Anche se la chiamate per una settimana trovando sempre il telefono occupato o non trovandola a casa, fate sempre come se stesse chiamando per la prima volta. Questo eviterà di fornirle troppi indizi, in quanto non è per nulla importante o conveniente che lei sappia quante volte avete tentato di chiamarla. È un'informazione inutile. Concentratevi piuttosto sul fatto di ottenere il vostro scopo al più presto. E una volta ottenuto l'appuntamento tagliate corto e non perdete più tempo. Parlate giusto il tempo necessario per ottenere quel che volete. Più parlerete al telefono inutilmente, più rischierete di dire cazzate o qualcosa che potrebbe andare contro i vostri interessi.

In quest'articolo parliamo in modo più dettagliato dei vantaggi e svantaggi della seduzione al telefono.

Inoltre, siate sempre esatti quando stabilite degli appuntamenti. Non siate vaghi, invece di chiederle "Che fai sabato prossimo?" o "Quand'è che sei libera?", dite piuttosto "Ci vediamo sabato sera? Ti vengo a prendere e andiamo al posto xy". Fate quest'ultima affermazione come se lei vi avesse già detto di si. Dopo aver detto questo, aspettate la sua reazione. Certo, se tarda molto a rispondere o inventa una scusa, allora ci sono buone possibilità che non sia interessata. Quando una donna vorrebbe uscire con qualcuno ed è occupata, di solito propone un'opzione alternativa del genere "Sabato non posso, ma perché no domenica?". Cioè vi dice subito quando potrebbe.

Se invece si mantiene evasiva e dice qualcosa come «Sabato non posso, ma ci possiamo vedere un altro giorno", questo ha tutta l'aria di essere piuttosto un rifiuto elegante, oppure sta mettendo alla prova la vostra ansia e il vostro bisogno. Un'altra trappola da evitare sono le conferme. Se vi dice «Ok per sabato, ma chiamami venerdì per confermare", attenzione, non si tratta di un appuntamento di lavoro dove queste cose sono normali; certo se è lunedì, può darsi che lei non si senta effettivamente ancora sicura di quello che farà sabato. Dirlo però un giovedì sera sarebbe inverosimile. Dunque, per evitare questi trabocchetti, fate sempre in modo che l'intervallo di tempo tra la chiamata e il giorno dell'appuntamento sia minimo.

Se quest'intervallo è corto e la notate ancora evasiva, allora è segno che non è troppo interessata. In questo caso non potete far altro che tagliar corto dicendo "Ok, mi fai uno squillo quando puoi". In questo modo non aumenterete le vostre possibilità ma almeno dimostrerete che siete un vero uomo con il quale non si può scherzare e non solo lei resterà molto più colpita, ma vi rispetterà maggiormente. Insomma, l'uomo deve saper essere duro quando è necessario. In questo caso, provate a chiamarla di nuovo, ma senza annunciarlo, cioè senza dire quando la richiamerete, fatelo di sorpresa e provateci ancora. Se è ancora evasiva, allora scaricatela!

Ad ogni modo, la cosa più importante è, come abbiamo visto, congedarvi non appena avete ottenuto il vostro appuntamento. Il fatto di continuare a parlare al telefono dopo aver avuto quel che volevate sarebbe controproducente. Tutto quel che avete di importante da dirle lo rimanderete all'incontro, non avete più nulla da fare al telefono. Certo se siete a migliaia di chilometri di distanza, una lunga conversazione telefonica vi verrebbe anche bene, ma perché perdere tempo al telefono quando siete vicini e potete vedervi?

5. Uscire e continuare a uscire con lei

Anche se avete avuto un primo appuntamento, questo non garantisce il successo. Statisticamente più del 90% dei rapporti fanno cilecca al primo incontro. Bisogna dunque giocare bene le vostre carte, la cosa più importante qui non è giusto uscire con lei, ma assicurarvi una continuazione. La prima impressione è maledettamente importante e dovrete essere ben preparati. Il nostro programma contiene un capitolo completo sulla preparazione.

A volte è appropriato cercare di ottenere il primo contatto fisico (prenderle la mano, baciarla) durante il primo incontro, mentre in altre circostanze è meglio aspettare. Tutto dipende dal contesto e dovete essere capaci di determinare quali carte è meglio giocare e quando giocarle. Le situazioni dove un primo contatto fisico è più opportuno durante il primo appuntamento sono meno numerose. In generale è meglio darsi la possibilità di attendere e ben tastare il terreno. La cosa più importante è fare effetto. Non dimenticate che generalmente le donne hanno bisogno di tempo per interessarsi a voi e che, nell'ambito di un primo incontro, i tempi non sono spesso ancora maturi per rischiare delle avance o per far comprendere troppo rapidamente il vostro interesse. A questo proposito potrebbe tornarvi utile leggere quest'articolo sulle cause dell'insuccesso con le donne.

Un altro strategemma importante di cui potreste servirvi è anticipare sempre quel che annunciate rispetto a quello che farete. Se per esempio l'avete vista sabato e non potete rivederla che giovedì, promettete di chiamarla lunedì con idea di vederla martedì. E non chiamatela, chiamatela piuttosto mercoledì, cioè il giorno prima in cui avevate effettivamente intenzione di vederla. Questa specie di bluff creerà un effetto di ansia e dimostrerà soprattutto che non siete ansiosi, che è quel che conta. Nel programma facciamo una lunga analisi di questo modo di procedere.

6. Ottenere il primo contatto fisico

Contrariamente alle altre tappe, questa non è opzionale, vale a dire, si produce sempre (quando non farete cilecca). Poco importa come ci arriverete, potete anche arrivarci saltando tutte le altre tappe, oppure raggiungerla senza andare a segno. Ma indipendentemente dal risultato arriverà sempre il momento in cui dovrete rischiare un primo contatto fisico.

Qual'è il momento più adatto per passare con lei a un livello che non ha più nulla a che vedere con l'amicizia? Ecco un momento di transizione che provoca più di una preoccupazione in molti uomini, ma comporta comunque anch'esso delle tecniche e delle strategie.

Per "contatto fisico" non ci riferiamo ancora al rapporto sessuale, ma al primo vero contatto affettuoso, che sta all'inizio di qualcosa di più, come prenderle la mano o darle il primo bacio.

Alcuni esperti in seduzione ritengono che è preferibile cominciare con un contatto meno diretto, come quello di prenderle la mano. Altri sostengono che è meglio rompere il ghiaccio in modo inequivocabile e che il fatto di darle il primo bacio sia molto più efficace. Noi preferiamo questo secondo approccio, per il fatto di essere meno ambiguo.

Difatti, prendere la mano non è necessariamente una mostra di intimità, in quanto può ancora essere confuso con una tenerezza amicale. Quando una ragazza accetta la mano di un uomo, può ancora interpretare il fatto pensando "ecco definitivamente un ragazzo dolce", mentre quando un uomo ottiene la mano di una donna, questi pensa sempre "ecco, il sesso è prossimo". Dunque le donne non interpretano sempre le dimostrazioni di affetto nello stesso modo degli uomini. Di conseguenza, il fatto di ottenere la mano di una donna non è sempre una garanzia di conquista, anche se le possibilità sono molto forti, mentre invece baciarla direttamente in bocca non lascia più spazio alcuno all'interpretazione, quindi, una volta che una donna accetta un bacio, potete sentirvi molto più sicuri per quel che concerne il risultato. Una volta che baciate una donna e non vi respinge, questa donna è vostra senza equivoci.

Per facilitare il superamento di questa tappa esistono delle tecniche per "provocare" la situazione in modo automatico, spesso efficaci, ma che presuppongono una spiegazione più complessa. Tutto questo viene trattato nel programma in modo dettagliato.

A volte un bacio completamente imprevedibile è la migliore alternativa. Difatti, non è necessario chiedere a una ragazza se vuole mettersi con noi. Queste cose non si chiedono, si prendono e basta. Non siete più probabilmente un ragazzo di prima media, siete probabilmente un uomo che deve dimostrare che sa quello che vuole e quello che fa. Al massimo se lei non vuole vi respingerà. Ma alla fine, anche se ci provate e non riuscite, è sicuramente molto più degno di riguardo un uomo che dimostra di sapere quel che vuole, piuttosto che un moccioso esitante che chiede "ti posso dare almeno un bacio?"

Se avete delle difficoltà ad avere l'iniziativa e volete prendere delle precauzioni, ci sono mezzi per verificare se potete baciarla o no. Anche questo è trattato nei dettagli nel programma.

7. La ricerca della solitudine con lei

Ecco un altro punto opzionale che può essere necessario oppure no, a seconda delle circostanze. A volte è automaticamente superato, altre volte dovete passare per questa tappa se volete progredire oltre.

Quante volte vi è successo di voler star soli con lei o volervela portare a casa? Ebbene, questo è un momento delicato tipico, il primo momento di solitudine con lei. Bisogna ottenere l'intimità e bisogna farlo con metodi naturali.

In alcune circostanze anche lei ha voglia di star sola con voi e questo passo viene superato abbastanza facilmente. È l'unica tappa che vi separa dall'atto sessuale propriamente detto, oppure dalla consolidazione del vostro rapporto.

Ad ogni modo, questa tappa non sempre è facile da superare. Ed esistono diversi metodi, sia diretti che indiretti per riuscire nell'intento, permettendovi di guadagnare più confidenza o di far cadere delle inibizioni. Ecco un altro punto che verrà trattato con cura nel programma.

8. Ultima tappa, passare al sesso

Ecco un'altra tappa che si produce sempre, al pari della tappa 6. Nel vostro rapporto, supponendo che avete superato tutte le altre tappe e livelli, arriverà sempre il momento del primo rapporto sessuale, a condizione di non fallire. Dunque, come procedere?

Certo, succede che molte donne si controllano e cercano di evitare il sesso, anche se ne avrebbero voglia. Bisogna anche considerare che molte donne si sentono inibite davanti all'eventualità di togliersi i vestiti per la prima volta davanti a voi. Se siete in misura di superare questa situazione agendo in modo appropriato, le vostre possibilità di sesso aumenteranno ancora di più. Il vostro scopo è dunque di metterla a suo agio il più possibile, di eccitarla lentamente e procedere per tappe che dipenderanno dal suo livello di eccitabilità e dalle sue inibizioni.

Se lei si mostra molto esistante, provate voi stessi a toglierle i vestiti. Potrebbe dirvi di no, ma bisogna saper determinare la differenza tra quando vi dice "no", ma in realtà vorrebbe dire "si" (il classico Vorrei e non vorrei del Don Giovanni di Mozart), e quando vi dice di no perché non vuole o perché ha bisogno di più tempo. Può anche darsi che lei abbia bisogno di eccitarsi maggiormente prima di passare all'atto. È l'uomo che deve essere in grado di poter determinare queste situazioni. Il meglio da fare è provare a eccitarla fino alle ultime conseguenze. Una delle migliori tecniche per riuscirvi è di masturbarla attraverso i vestiti o eccitare i suoi seni.

Un altro punto molto importante è di essere ben preparati. La vostra casa deve essere accogliente sotto tutti i punti di vista, la vostra stanza dovrà essere ordinata, specialmente il vostro letto. Abbiate anche una buona scorta di preservativi. Oltre a essere ben preparati, è anche importante di prepararla bene. Spesso la miglior soluzione è quella di portarla a una situazione dove è lei che prende l'iniziativa. Si tratta di una soluzione ideale, anche se non è troppo frequente. Da parte vostra, non avete nulla di meglio da fare che eccitarla in tutti i modi possibili e trascinarla fino al punto dove sarà lei stessa a dire "prendimi, non ne posso più". In generale, più lei avrà voglia meglio sarà.

Ma la cosa più importante da tenere a mente è che dovete agire nello stesso modo di quando le avete dato il primo bacio. Dovete prendere quel che volete senza chiederlo. Dovete implicarla sessualmente e passare all'atto quando è il momento, senza perdere tempo e senza darle il tempo di pensare. Il meglio è arrivarci in modo del tutto naturale senza premeditazione, non appena vedrete che il momento è buono. E una volta che vedrete che il momento è buono agite subito senza esitazioni!

Le frasi magiche da dire alle donne.

Ingrandisci il tuo pene con tecniche naturali al 100%



Programma di sessualità femminile per le donne e gli uomini che le amano